MURALES A NAPOLI, L’ARTE A CIELO APERTO

I murales a Napoli sono una forma d’arte che racconta l’anima della città.

La street art di Napoli spesso mischia elementi come sacro e profano in un mix che fa incantare i suoi osservatori.

E’ un po’ come essere in un museo ma a cielo aperto che puoi visitare semplicemente passeggiando tra i suoi vicoli.

I Murales a Napoli non sono solo in centro ma anche fuori città, in aree un po’ disagiate che grazie a questa forma di arte vengono riqualificate diventando tappa fissa per i turisti interessati.

Alcune delle sue opere sono realizzate da famosi street artist di livello mondiale.

MURALES A NAPOLI

Ora vediamo alcuni dei murales famosi a Napoli partendo da quello preferito di Giuseppe che è napoletano, indovinate un po’…di quale si tratta?

Murales Maradona a San Giovanni a Teduccio

Il murales di Maradona è stato realizzato dall’artista italo-olandese Jorit in un quartiere periferico di Napoli, precisamente a San Giovanni a Teduccio in via Taverna del Ferro.

E’ il più grande al mondo ritraente il Pibe de Oro e occupa l’intera facciata di un palazzo.

MURALES A NAPOLI, MARADONA

Curiosità sul murales di Maradona:

L’artista ha pensato di stupire ulteriormente i visitatori ponendo la sua “firma” con 2 parole scritte in uno dei 2 occhi del Dios Umano che sono visibili solo all’alba o al tramonto quando la luce riflette in quel punto.

“Lo faccio per portare il bello dell’arte a chi non c’è l’ha. Questa gente merita la bellezza, io do il mio contributo, faccio quello che posso, faccio in modo che la bellezza raggiunga il popolo” – Jorit 2017

 

Murales di Maradona a Napoli, Quartieri Spagnoli

Nel cuore dei Quartieri Spagnoli di Napoli in via Emanuele de Deo 60, troviamo il murales di Maradona realizzato nel 1990 per omaggiare la la vittoria del secondo scudetto. E’ stato recentemente restaurato, nel 2016.

MURALES A NAPOLI

La Pudicizia velata di Corradini – Iside

Sul palazzo a fianco si trova un altro murales enorme, quello dell’artista argentino Francisco Bosoletti che ritrae La Pudicizia di Corradini, statua custodita nella Cappella Sansevero insieme al famoso Cristo Velato.

 

Murales di Napoli – San Gennaro

Il Murales di San Gennaro occupa la facciata di un palazzo di Forcella. Si tratta anch’esso di un’altra opera di Jorit.

Il Murales è alto 15 metri e sembra più che altro un quadro se non una fotografia grazie all’espressione profonda del Santo.

Curiosità sul Murales di San Gennaro:

Il viso del Murales non è quello di San Gennaro ma il viso di un amico dell’artista!

 

Murales di Napoli - San Gennaro

Murales dei Quartieri Spagnoli di Napoli 

Nei quartieri Spagnoli di Napoli esiste una via costellata di murales poco distante dal quadro di Maradona (1990).

Tra i personaggi più ricorrenti troviamo Totò, Massimo Troisi e Pino Daniele, Lucio Dalla.

Beppe & Massi – cognati a confronto 🙂

Il Murales recita: L’educazione non passa mai di moda

Nel quartiere inotre i graffiti di Cyop&Kaf hanno rivalutato il luogo con il progetto chiamato “Quore spinato” portando allegria e positività!

Murales di Bud Spencer

In Vico Lungo del Gelso, sempre nei Quartieri Spagnoli si trova il murales di Bud Spencer. Per chi non lo sapesse l’attore era originario proprio di questo quartiere ed è stato fatto in sua memoria.

Curiosità del murales di Bud Spencer:

A occhio nudo fatica a vedersi ma se scatterete una fotografia ecco che l’immagine prenderà forma e potrete riconoscere l’inconfondibile viso di  Carlo Pedersoli!

STREET ART NAPOLI

PENSIERI DAL MONDO

Quando si dice che Napoli è magica…. anche attraverso i murales e i graffiti riesce sempre a trasmettere la sua unicità.

Abbiamo trascorso una giornata molto divertente dedicata alla “caccia” della street art più bella su e giù per i quartieri pittoreschi che non smettono mai di stupirci!

Se vi interessa vedere una Napoli insolita potrebbe interessarvi il nostro articolo (QUI) per farvi conoscere alcuni angoli della città di cui magari non avevate mai sentito parlare!

Se l’articolo vi è piaciuto condividetelo sui social e lasciate un commento nel blog, proprio qui sotto!

 

close
Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *