SANTARCANGELO DI ROMAGNA

Santarcangelo di Romagna è un borgo imperdibile nelle vicinanze di Rimini e a nostro avviso uno dei più caratteristici!

Stretto tra due cinte murarie (Barbarossa e Malatesta), ci ha fatto innamorare dei suoi vicoli fermi nel tempo, dei campanili, dei punti panoramici e dei suoi scorci unici!

Un paese diviso in due, nella parte alta  il borgo antico, un piccolo gioiello, e nella parte bassa il paese moderno fatto di negozi e locali alla moda che si amalgamano senza perdere di vista lo stile di Santarcangelo.

Santarcangelo di Romagna deve il suo sviluppo alla famiglia Malatesta che la governò nel XII secolo e che ne modificò il borgo così come anche la Rocca Malatestiana.

Le sue origini sono ben più lontane e risalgono al tempo dei romani che considerandolo un punto strategico e di passaggio per Rimini vi si insediarono.

Ora non ci resta che scoprire cosa vedere a Santarcangelo di Romagna!

SANTARCANGELO DI ROMAGNA

Tra le cose da vedere a Santarcangelo di Romagna segnaliamo l’inusuale ‘Museo del Bottone’, un incredibile viaggio nella storia di questo eterno accessorio.

Mi ha riportato alla mia infanzia quando amavo andare a curiosare nella scatola dei bottoni di mia madre!

MUSEO DEI BOTTONI SANTARCANGELO DI ROMAGNA

L’ingresso è gratuito, richiesta offerta libera.

Altra imperdibile tappa sono le Grotte di Santarcangelo.

Un percorso sotterraneo che si estende per alcuni chilometri nel ventre del paese.

Le grotte sono state scavate nel tufo e furono utilizzate per usi disparati tra i quali la conservazione dei cibi, chiese clandestine, rifugio durante la guerra, un pò come quelle che abbiamo visto a Longiano.

Per saperne di più, vi lasciamo il link ufficiale delle grotte di Santarcangelo, cliccate QUI.

Molto imponente è la Piazza Ganganelli dove si trova l’arco del 1700 costruito in onore di un cittadino molto speciale.

Sapete di chi si stiamo parlando?

Si tratta di Lorenzo Ganganelli, ovvero Papa Clemente XIV!

 

IL BORGO ANTICO DI SANTARCANGELO DI ROMAGNA

Il borgo Medievale è una vera chicca e una passeggiata tra le sue viuzze vi riporterà indietro nel tempo alla scoperta di alcuni gioelli.

Prima fra tutte la Torre Civica che svetta fiera e sovrasta tutto il paese.

Fu costruita nel 1892 e disegnata dall’ingegnere Giuseppe Tramontani.

Sulla sommità è collocata una statua in ferro battuto di San Michele Arcangelo.

SANTARCANGELO DI ROMAGNA, TORRE CIVICA

Il borgo è un susseguirsi di vicoli dalle casette basse ricoperte di fiori, un concentrato di colori e di buon umore!

Ogni scusa è buona per scattare una foto.

BORGO ANTICO SANTARCANGELO DI ROMAGNA

SANTARCANGELO DI ROMAGNA

La Pieve di San Michele Arcangelo è la chiesa più datata della città che risale al VI secolo anche se si pensa abbia origini ancora più antiche.

Come tutte le pievi ha un fascino inestimabile che racconta tutta la sua anzianità.

La chiesa è ad una navata e i pavimenti in marmo originali purtroppo sono presenti solo in frammenti.

Come ogni borgo romagnolo non può mancare la Rocca Malatestiana!

Quella di Santarcangelo risale al 1386.

Ad oggi si tratta di una residenza privata ma è visitabile il primo sabato del mese e la domenica consecutiva.

Orari: dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 19,00
Costo del biglietto di ingresso: 3,00 euro.

COSA VEDERE NEI DINTORNI DI SANTARCANGELO DI ROMAGNA 

Tutta questa zona della Romagna è caratterizzata da piccoli borghi molto caratteristici come Longiano nelle immediate vicinanze, o città come Cesenatico Rimini e Ravenna!

 

PENSIERI DAL MONDO:

Santarcangelo di Romagna è uno di quei borghi che riesce ancora a stupire per la sua autenticità.

Patria del Sangiovese è anche un borgo allegro forse dovuto all’aiuto proprio di questo vino che rende tutti più gioviali 🙂

Una vera perla della Romagna che consigliamo a tutti di visitare almeno una volta!

Se vi è piaciuto il nostro articolo, lasciate un like, un commento e condividete sui vostri social così sapremo che avete apprezzato!

 

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *