MODENA, COSA VEDERE IN UN GIORNO

La città di Modena dista solo un’oretta da casa nostra e non chiedeteci come mai non avessimo mai visitato il suo centro storico.

Il sabato è la giornata che dedichiamo a quello che amiamo chiamare ”il nostro sabato del viaggio”, partenza alla mattina e rientro alla sera a caccia di borghi, città e angoli visitabili da casa nostra in giornata.

È così che è nata l’idea di visitare Modena.

Se arrivate con l’auto troverete il comodissimo “Parcheggio del Centro” a 2 minuti a piedi dalla piazza. € 1,20 all’ora.

COSA VEDERE A MODENA:

La Ghirlandina e il Duomo:

Per iniziare al meglio la conoscenza di questa città Emiliana, iniziamo dalla Ghirlandina, l’orgoglio dei modenesi e dal Duomo.

La Ghirlandina è il campanile a punta alto quasi 90 metri che insieme alla cattedrale di Santa Maria Assunta in Cielo e San Geminiano (il Duomo) sono Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 1997.

La Ghirlandina è il simbolo di Modena, edificata come la torre campanaria del Duomo della città.

Anche la Cattedrale di Modena è imperdibile per chi visita la città per la prima volta. La sua maestosità e il colore chiaro conferiscono un’aria fiabesca a questa struttura.

Biglietto La Ghirlandina: 3 euro

Biglietto unico Duomo + la Ghirlandina: 6 euro

Piazza Grande e Palazzo Comunale:

Piazza Grande è la piazza che ospita il Duomo, nonché cuore pulsante della città.

Dobbiamo dire che vederla addobbata a festa per il prossimo Natale ci ha deliziati. Mercatini di Natale, luci, alberi e un traboccare di persone impegnate per i primi acquisti.

Anche Piazza Grande è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

Negli anni è stata sede di diverse usanze, dalla pratica della giustizia per mezzo della sua forca, a mercato cittadino e ora luogo di incontro.

Nella piazza potrete ammirare la Torre con l’orologio e il Palazzo Comunale e il Palazzo dell’Arcivescovado.

La Galleria Estense:

La Galleria Estense si trova nell’attuale sede del Palazzo dei Musei in Largo Porta Sant’Agostino n.337 e D è una delle più importanti Gallerie D’Italia. All’interno è custodito il patrimonio artistico dei Duchi D’Este.

Numerose opere che si distinguono, tra le quali La Madonna con il Bambino di Correggio e la Pietà di Cima da Conegliano. Troverete inoltre sculture, maioliche e strumenti musicali.

La prima domenica del mese l’ingresso è gratuito.

La Chiesa di San Giorgio:

La Chiesa di San Giorgio è uno splendido esempio di stile barocco. Chiamata anche “Santuario della Beata Vergine Ausiliatrice del popolo Modenese” per l’immagine della vergine situata sopra l’altare. La chiesa ha una pianta a croce greca e una cupola centrale che sovrasta l’altare maggiore.

COSA MANGIARE:

Passeggiando viene appetito e quale miglior occasione per assaggiare le delizie Emiliane Modenesi?

La specialità prima tra tutte sono il gnocco fritto da farcire con salumi e formaggi tipici della zona, visti i vari allevamenti e caseifici, le tigelle da riempire con un pesto di lardo e spolverata di parmigiano reggiano e il borlengo, una specie di crepe sottilissima e croccante farcita con la cunza, un battuto di lardo aglio e rosmarino.

Nella vicina Zocca ha sede il museo del borlengo.

Da bere ovviamente il Lambrusco!

Modena è famosa inoltre per l’Aceto Balsamico DOC.

PENSIERI DAL MONDO:

Passeggiando per il centro storico di Modena e ammirando le sue bellezze la cosa che ci veniva in mente era: come mai non eravamo mai stati? Modena è una città ad un tiro di schioppo  da Bologna eppure l’avevamo sempre lasciata un po’ da parte. Modena ha tutto quello che serve per essere considerata una bella città, monumenti importanti riconosciuti come Patrimoni dall’Unesco, chiese datate, musei, biblioteche e l’aria tipica che si respira della mia (Annalisa) adorata Emilia!

Per chi fosse interessato all’Emilia Romagna, proponiamo anche una visita in un borgo sempre in regione che fa parte però della Romagna, Bertinoro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *