CITERNA,IL BORGO PIU’ A NORD DELL’UMBRIA

Siamo giunti a Citerna durante il nostro scorso weekend tra Toscana e Umbria, dopo aver visitato Anghiari e Pietralunga,

Citerna è un borgo con 3480 abitanti e si trova nella parte più a nord dell’Umbria, tra Toscana e Marche in provincia di Perugia.
Citerna è nominato una dei borghi più belli d’Italia e  Bandiera Arancione,  garanzia che ciò che stavamo per visitare non sarebbe passato inosservato.

COSA VEDERE:

A Citerna il primo consiglio è quello di perdersi tra i vicoli e fermarsi nei vari punti panoramici per ammirare la Valle del Tevere.

CITERNA

La cosa che mi ha colpito del paese è il camminamento medievale, affacciato sulla Valle e i borghi vicini da cui si gode di una meravigliosa vista della zona circostante.

Proprio sotto al camminamento sorge il ristorante ” Le Civette”, imbattibile per il punto strategico dove sorge, con tavolini apparecchiati finemente e una veduta di sottofondo da togliere il fiato.

CITERNA, RISTORANTE LE CIVETTE

CITERNA, CAMMINAMENTO MEDIEVALE

Ammirate le antiche cisterne per la raccolta delle acque piovane e visitate il Palazzo Comunale, ex convento dove gli uffici sono delle ex celle, partendo dal chiostro vicino alla Chiesa di San Francesco. Nella parte sotterranea recentemente scoperta , si trova il Salone degli Ammassi che ospita le cisterne del periodo medievale.

CITERNA, CHIESA DI SAN FRANCESCO

Il nome di Citerna deriva da due ipotesi, Citerna come cisterna o come terra di mezzo.

Nella parte alta del borgo potrete ammirare la Rocca Longobarda e la Chiesa San Michele Arcangelo.

Vedendo diversi turisti camminare con lo zaino in spalla abbiamo scoperto che il paese è una delle tappe di chi percorre la Via Francigena.

 

PENSIERI DAL MONDO:

A Citerna  l’ideale è perdersi tra le sue vie senza una meta ben precisa, rilassarsi nei locali e nei bar per sorseggiare un buon calice di vino o semplicemente un caffè, assaporando la tranquillità del borgo e le sue vedute eccezionali.

 

 

Share this...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *