IL GRANDE PALAZZO REALE DI BANGKOK

GRANDE PALAZZO REALE DI BANGKOK

Oggi vi parliamo del Grande Palazzo Reale di Bangkok che abbiamo visitato approfittando di uno scalo tecnico di una giornata in rientro da Phuket, raccontato nel seguente articolo:

PHUKET, LA PERLA DELLE ANDAMANE

Il Grande Palazzo Reale  è un complesso di edifici che si trova nel distretto centrale di Phra Nakhon a Bangkok a ridosso del Chao Phraya River. Bangkok ricordiamo che è la capitale della Thailandia.

Il Grande Palazzo Reale non è la residenza ufficiale del Re ma lo è stata fino al 1946 anno nel quale il  Re Rama IX decise di trasferirsi a Palazzo Chitralada (chiuso al pubblico). Il Grande Palazzo Reale di Bangkok è comunque utilizzato tutt’ora negli eventi ufficiali riguardanti la Famiglia Reale come ricevimenti di stato e  matrimoni. La sua  costruzione iniziò nel 1782 e nel corso degli anni è stato più volte ampliato.

 

COME RAGGIUNGERLO:

Dall’aeroporto di Bangkok è consigliabile prendere un taxi oppure un autobus, nella speranza di non rimanere imbottigliati nel traffico senza aria condizionata come è successo a noi!

Se vi trovate già in città la cosa migliore è via fiume. Prendete lo Skytrain e fermatevi a Saphan Taksin della Silom Line  e dirigetevi sull’argine del fiume. Da qui partono dei battelli che fanno varie fermate lungo il corso del fiume, per il Palazzo Reale scendete a Tha Chang.

Appena scesi vi accoglierà un mercato colorato dove vale la pena fare un giretto. Il Grande Palazzo Reale è poco oltre.

Se cercate un volo trovatelo con Skyscanner:



 

INGRESSO:

Costo 500 Bath. Vietati pantaloni corti, canottiere e abiti succinti sia per le donne che per gli uomini. All’ingresso è possibile noleggiare un pareo. Orario: 8:30-15:30

ATTENZIONE:

Vi capiterà sicuramente di essere avvicinati da qualcuno che vi dirà che il Grande Palazzo Reale  di Bangkok quel giorno è chiuso , è solo una truffa per portarvi da un’altra parte. …potrebbe essere il taxista stesso a proporvelo o qualche personaggio nelle vicinanze del mercato… Non fatevi fregare.

COSA VEDERE:

Tenetevi a disposizione qualche ora per visitare il meraviglioso complesso di edifici in cui è suddiviso il Grande Palazzo Reale di Bangkok.

Il primo palazzo che si osserva è il Palazzo Borombhiman, edificio in stile  francese che viene utilizzato per ospitare delegazioni straniere.

Il secondo è il Palazzo Amarindra, utilizzato come sala per le cerimonie di incoronazione.

 

Nel cortile centrale  c’è l’edificio di maggiore interesse il  Phra Thi Nang Chakri MahaPrasad. La sua facciata è un misto di stili, dall’architettura tradizionale thailandese al Rinascimento italiano.

 

Il Wat Phra Kaew ovvero il Tempio del Buddha di Smeraldo è un insieme di templi buddisti dove nel principale si trova la statua più importante per i buddisti thailandesi ,  il Buddha di Smeraldo anche se in realtà il materiale con il quale è costruito è giadeite verde, somigliante allo smeraldo.

 

L’ultimo è il Palazzo di Dusit, realizzato nello stile tipico thailandese, fu usato come camera ardente per le esequie dei sovrani.

PENSIERI DAL MONDO:

Non potete venire a Bangkok senza visitare la meraviglia architettonica del Grande Palazzo Reale di Bangkok! Ovunque vi girerete vedrete oro e maestosità, vi brilleranno gli occhi. L’architettura è quella tipica dei paesi asiatici, con stupa preziosi e palazzi dai tetti a punta.

 

Un ricordo che vale la pena condividere con voi relativo alla gentilezza spiazzante del popolo Thai è sicuramente quello che abbiamo vissuto nell’autobus imbottigliato nel traffico.

Pensate a circa 35 gradi esterni, umidità 90%, autobus dei primi del dopoguerra fermo sotto il sole con i finestrini e porte chiusi, l’aria condizionata…questa grande sconosciuta…

Beppe gira in maniche corte anche in inverno perché ha sempre caldo….in quell’autobus ha vissuto gli attimi peggiori della sua vita. Inizia ad accusare il colpo e a dire frasi strane…confuse. All’ingresso del controllore che chiede il biglietto (nonostante ce l’avessimo) perde la pazienza perché ritiene che dobbiamo essere pagati noi per tale supplizio, poi discute un po’ con l’uomo seduto accanto a lui perché gli stava troppo appiccicato….all’improvviso questo infila le mani nel suo zaino in maniera veloce e parlando ad alta voce in Thai, abbiamo temuto qualche azione rivendicativa…e invece con un sorriso disarmante, caldo e felice porge a Beppe il suo ventaglio. Che lezione di vita….. piccola ma piena di tanto significato.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *