ARUBA, ONE HAPPY ISLAND

ARUBA, ONE HAPPY ISLAND

Eccoci qui a raccontarvi di un’isola Caraibica, Aruba One Happy Island.

Aruba per noi non rappresenta solo una meta di vacanza come potrebbe essere per tanti altri ma bensì l’isola che ci ha rubato il cuore.

Appena abbiamo messo piede su questa isola ci siamo subito accorti che c’era qualcosa di magico che catturava la nostra attenzione.

Quello che ci ha trasmesso è stato come un déjà vu era come se ci fossimo già conosciuti e avessimo già trascorso un periodo della nostra vita qui.

L’aria era accogliente sin da subito e invece che dirigerci in spiaggia come in tutte le altre mete di vacanza, abbiamo sentito la necessità di visitare la città, come se dovessimo andare alla ricerca di persone che conoscevamo.

Un’isola tutta nostra e talmente incantata che, senza pensarci due volte, è stata testimone del nostro SI’.

Aruba, l’isola che sogniamo possa diventare la nostra prima casa e chissà che un giorno non si realizzi questo desiderio….

Con questo articolo vogliamo darvi qualche consiglio su come godere appieno di Aruba dal momento che è diventata per noi una meta più volte vista.

INFORMAZIONI GENERALI:

Aruba è una nazione facente parte dei Paesi Bassi che comprende anche San Marteen e Curaçao,Bonaire come municipalità speciale.  L’ isola è 180 km²,31 Km di lunghezza per 10 di larghezza. Nel 2014 sono stati registrati 108.587 abitanti .

Si trova nel mare Caraibico vicinissima al Venezuela ,America centrale.

La cosa che la differenzia da altre isole caraibiche è l’assenza di rilievi e di vegetazione rigogliosa . Il clima è secco ed è fuori dalla cintura degli uragani, pertanto sarà possibile visitarla tutto l’anno con estrema tranquillità . La capitale è Oranjestad. L’olandese e il papiamento sono le  lingue ufficiali, ma quasi tutti qui parlano anche inglese e spagnolo.

COME RAGGIUNGERLA:

Ci sono vari modi e vari collegamenti aerei. Sicuramente la compagnia più comoda per raggiungerla è KLM  ma anche la più costosa, che ha voli diretti da Amsterdam , essendo Aruba parte delle Antille Olandesi. Altrimenti potrete optare per altre compagnie aeree che fanno scalo in Europa e negli USA prima di arrivare. Attenzione che se fate scalo negli USA serve il visto ESTA.

SPIAGGE:

Ad Aruba avrete solo l’imbarazzo della scelta, ogni spiaggia è un incanto.

Il nostro consiglio è quello di noleggiare un auto per poterle girare in piena autonomia.

Per questo possiamo consigliare  Tropic Car Rental che è uno dei più economici.

In aeroporto potrete comunque trovare le compagnie più famose come Hertz,Budget ecc.

L’isola si divide in due parti, la nord che è quella più turistica ,prettamente americana che accoglie resort di ogni genere e la parte sud che è quella autentica frequentata per lo più da gente locale e per questo la nostra preferita.

EAGLE BEACH:

Partendo da nord potrete visitare Eagle beach ,considerata una delle migliori spiagge al mondo. Una distesa di soffice sabbia bianca che si estende per chilometri lambita da acque turchesi. Gran parte della spiaggia è libera e una parte riservata ai resort nei quali si può accedere in tutta libertà.

A ovest della spiaggia non perdetevi i tipici “divi-divi” , alberi particolari ripiegati in avanti ad opera del vento, essendo Aruba molto ventosa. Il vento non è mai fastidioso e nonostante il caldo torrido vi aiuterà a mantenere la pelle fresca e asciutta.

La parte est della spiaggia è un proseguimento di baie come Druif, Manchebo, Surfside e Malmok, tutte molto simili tra loro.

PALM BEACH:

Questa è la spiaggia dei “high rise hotel” , cioè degli hotel alti e di lusso come il Ritz, Riu, Marriott per dirne alcuni.

La spiaggia è simile a Eagle beach con la differenza che è attrezzata e piena di turisti. La maggior parte delle escursioni organizzate partono da Palm Beach.

Potrete entrare nei resort e concedervi un drink o pranzare e cenare anche se non siete clienti.

 

 

ARASHI BEACH:

Nell’estremo nord dell’isola si trova Arashi, un incanto di spiaggia. L’acqua è di un azzurro intenso e molto trasparente. Potrete noleggiare un lettino con ombrellone oppure utilizzare le palape di paglia messe a disposizione gratuitamente.

Sul lato ovest c’è una lunga distesa di sabbia dove potrete fare delle belle passeggiate stando isolati, anche se la spiaggia non è mai affollata.

Quando sentite caldo,un suono magico attirerà la vostra attenzione…. si ritorna bambini perché è arrivato il gelataio con il furgoncino tutto disegnato che suona canzoni per piccoli. troverete gelati,frullati e granite molto buoni e naturali.

Il parcheggio è vicinissimo al mare e gratuito.

Dalla spiaggia potrete anche scorgere un faro, il California Lighthouse che potrete raggiungere in auto in una decina di minuti.  Il faro prende il nome dalla nave California naufragata qui nel 1891. Nel 2016 è stato completamente restaurato.

Vicino al faro potrete trovare “yum-yum”, un vecchio pullman adibito a bar che serve spremute, gelati, bibite. Non mancate la foto con il pappagallo appunto Yum-Yum!

C’è anche un ristorante panoramico , Trattoria El faro Blanco molto suggestivo. Da qui avrete la vista di tutta la baia circostante compresa la città.

MANGEL HALTO:

Scendendo verso Pos Chiquito, troverete la Spanish Lagoon  perfetta per lo snorkeling. Un colpo d’occhio incredibile sono i colori di questa laguna dove potrete trovare anche una parte con le mangrovie. C’è una zona pic- nic con tavoli e ombrelloni dove potervi rilassare in assoluto relax dal momento che la spiaggia non è molto frequentata…. schhhh ma non ditelo a nessuno!

BABY BEACH:

Nella parte sud di Aruba e come dicevamo la più tipica trovate la splendida Baby Beach.  La spiaggia lascia a dir poco senza parole, è la nostra preferita in assoluto. La sabbia bianca accecante, il mare molto basso degrada dolcemente con mille sfumature di azzurro. Basta allontanarsi di poco per trovare punti meravigliosi dove effettuare snorkeling.

La domenica non sarà difficile imbattervi nel “family day”, giornata in cui gli Arubiani si riuniscono in spiaggia per passare del tempo con la famiglia organizzando BBQ e feste. Se avrete voglia di interagire con loro saranno ben lieti di invitarvi al banchetto! A noi è capitato più volte di essere invitati e di passare la giornata con loro, un’esperienza incredibile.

A fine giornata avevamo forato una gomma all’auto e non ci hanno dato la possibilità di cambiarla in quanto hanno voluto fare tutto loro! Gli Arubiani sono persone di vero cuore.

La spiaggia è in parte libera con palape in paglia e in parte attrezzata. Sulla parte est troverete un bar ristorante che offre ottimi piatti a prezzi giusti.

Se avete voglia di camminare, oltre il ristorante inizia un sentiero sul mare che porta in angoli remoti e solitari con piccole spiaggette da sogno. Alla fine del percorso troverete un cimitero sulla spiaggia accorgibile dalle croci di legno rivolte verso il mare.

RODGER BEACH:

A fianco di Baby Beach troverete Rodger Beach, spiaggia bianca e mare turchese meno frequentata che la vicina Baby, buona per chi ama luoghi solitari con poca umanità.

COSA VISITARE:

PARCO NAZIONALE ARIKOK:

Il 20% di Aruba è ricoperta dal Parco Nazionale Protetto di Arikok. Un piccolo ingresso a contributo del mantenimento sarà richiesto al vostro arrivo.

All’interno del parco troverete diversi tipi di fauna e flora . Potrete vedere gli asini selvatici scorrazzare liberamente nel territorio.

Ci sono caverne con incisioni rupestri indiane che potrete visitare.

Nell’area troverete anche belle spiagge con mare mosso ma davvero suggestive.

Si tratta di Dos Playas, che non sono altro che 2 spiagge separate da un piccolo istmo al centro. Poi Boca Prins molto simile alla precedente.

Attenzione ai bagni in mare perché la corrente è molto forte.

E’ un ritrovo per surfisti.

 

 

ALTO VISTA CHAPEL:

Alto vista è una chiesetta cattolica del 1952 situata in posizione panoramica a nord del paese Noord . Potrete assistere ad una Messa che si effettua una sola volta a settimana , al tempo della nostra visita era il martedì verso le 16. E’ stata una bella esperienza ascoltare la funzione in papiamento con alcune parti in inglese, dove vengono nominati anche Santi Italiani. Molto caratteristici i cori effettuati dalle donne del posto.

SAN NICHOLAS:

San Nicholas è una città situata a sud di Aruba, abitata prettamente dai locali  e famosa per lo svolgimento del Carubbian festival. Ogni giovedì sera la città si veste a festa, un carnevale per le strade con musica folkloristica e vestiti di scena (come quelli del carnevale di Rio per intenderci) la avvolge. Vi ritroverete a ballare per la strada coinvolti dai ballerini che vi inviteranno a partecipare.Molti chioschi offrono cibo locale come pollo creolo con riso e verdura.

Altrettanto famoso è il Charlie’s Bar, un locale dove non potete fare a meno di bere una birra. Il bar è rivestito di ogni cosa, dai soldi ai reperti marini portati qui dai sub, a magliette ,scarpe, insomma qualsiasi genere di cosa lasciata dai clienti nei vari anni.

ORANJESTAD:

La capitale di Aruba, Oranjestad si mostra come una bomboniera con strutture in tipico stile Olandese dai colori pastello. Ha un bel centro dove si può passeggiare, costeggiato da negozi alla moda e ristoranti.

Un trenino d’epoca fa il giro all’interno del centro.

FORT ZOUMAN:

E’ un museo nel quale ogni martedì si tiene in Bon Bini Festival, un evento per conoscere le tradizioni di Aruba,la musica e anche lezioni di papiamento. Il costo d’ingresso è di 5$. Bon bini significa in lingua locale benvenuti.  

ESCURSIONI:

Le escursioni che abbiamo effettuato noi sono state il Jolly Pirates, il Tranquilo, il Kukoo Kunuku

Per una giornata di puro divertimento prendete il  Jolly Pirates, un veliero bellissimo con open bar e musica ad alto volume. Effettua 2/3 fermate per lo snorkeling e ha il trapezio per fare spettacolari tuffi in mare.

Il Tranquilo è una barca a vela che come lo dice il nome effettua giri panoramici e rilassanti solcando il mare dei caraibi spinto dai venti.  A bordo c’è open bar e la musica è a basso volume ,l’atmosfera è molto rilassante. Effettua una fermata di snorkeling alla laguna Spagnola dove si può nuotare sopra la barriera corallina.

Il Kukoo Kunuku è un autobus coloratissimo e aperto lateralmente che effettua diversi giri in città e nei locali notturni. la musica a bordo è altissima, al collo avrete un bicchierino mai vuoto per gli assaggi di alcolici locali e alle mani le maracas da scecherare a ritmo di musica.

Tantissime altre opzioni di escursioni da prendere in esame, come il Submarine, il sottomarino, l’isola di Renaissance costosa ma molto bella e famosa per avere i fenicotteri rosa in spiaggia.

Chi effettua l’Arikok con escursione organizzata potrà arrivare fino alle piscine naturali per un bagno rinfrescante,cosa non possibile per chi effettua la visita autonomamente.

 

DOVE DORMIRE:

I posti son tanti ma ascoltate noi e andate da Buffam’s Tropical Haven http://buffamstropicalhaven.com/

Un B&B gestito da una famiglia americana, Sherrie e Rick che sono straordinari. La struttura è composta da diversi appartamenti con metrature differenti anche per famiglie molto ben curati e pulitissimi. Al centro si trova una piscina,il tutto immerso in un giardino curato ornamentato da vari quadri dipinti da Sherrie e clienti.

Alla mattina servono una colazione abbondante all’americana, sempre varia, con uova e pancetta, pancake, torte, latte succhi e caffè.

Il B&B si trova a Pos Abao, vicino a Eagle Beach. (circa 1 KM) e non lontano dall’aeroporto.

Abbiamo instaurato un rapporto di amicizia così bello che sono diventati anche i nostri testimoni di nozze ad Aruba. Dopo la cerimonia ci hanno organizzato una festa  a sorpresa a casa loro con tanto di torta, biscotti, frutta,vino e spumante con sottofondo di musica italiana, coinvolgendo anche gli altri ospiti della pensione in un clima quasi familiare. Gli stessi ospiti hanno partecipato anche alla funzione in spiaggia….ma questo è un altro racconto.

 

DOVE MANGIARE:

I posti sono tantissimi ma quello che ci ha rubato il cuore è sicuramente Zeerovers, un locale situato a Savaneta, nel centro di Aruba (nei pressi di San Nicholas). La struttura è tutta in legno con affaccio sul molo e quindi sul mare. La particolarità sta nel fatto che all’ingresso si sceglie il tipo di pesce in base al pescato del giorno che si vuole e la relativa quantità da consumare e si attende al tavolo la cottura. Il pesce lo servono solo fritto ed è davvero delizioso e mai unto.  Frequentato per lo più da gente del posto e da qualche turista previa informazione.

Per una buona pizza potrete optare per Pizza Hut, raggiungibile a piedi dai Buffam’s. Servono vari tipi di pizze ma la nostra preferita è quella con il bordo fatto da rotolini di impasto ripieni di formaggio.

Molti i locali dove servono cibi tradizionali come il pollo creolo, le patate,il riso, le spighe di granoturco… Noi abbiamo trovato un locale che si chiama Chicchirichì in direzione del paese di  Noord dove si mangia molto bene.

Per locali di un certo livello e quindi costosi dovrete recarvi a Palm Beach.

 

COSA BERE:

Balashi Beer!! La birra degli Arubiani.

 

I NOSTRI PENSIERI DAL MONDO:

Come avete potuto capire Aruba per noi non è solo l’isola Caraibica fatta di sabbia bianca,mare turchese e gente allegra ma è molto di più.

Aruba è casa,  calore, senso di appartenenza, è un vissuto purtroppo non ricordato che però il nostro destino ha ritrovato e forse un giorno chi lo sa che le nostre strade non si intreccino nuovamente….

2 thoughts on “ARUBA, ONE HAPPY ISLAND

  1. Questo articolo è stupendo è molto più completo rispetto al mio ed è stato un piacere leggerlo, complimenti anche per il blog super professionale, magari un giorno anche il mio sarà un pó più bello ahaha?

    1. Ciao Adriana grazie del complimento….
      Il tuo blog è molto bello e scrivi bene!!! Continua così…. Abbiamo due cose in comune…. L’amore per il viaggio e l’aver visitato Aruba♥️!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *