DOZZA IMOLESE E I SUOI MURALES

DOZZA IMOLESE E I SUOI MURALES

Dozza Imolese, per chi è delle nostre zone (Bologna) non può sfuggire.

Approfittando di queste belle giornate primaverili ci si può concedere una giornata nel borgo medievale ammirando anche i suoi bellissimi murales.

Situato sulle colline di Imola da cui dista soli 6 Km, il borgo di Dozza con 6634 abitanti è appoggiato sui dolci pendii e vigneti dell’Appennino Tosco-Emiliano.

Lo Stemma cittadino è il  grifone, animale araldico.

 

Nel 1412 Dozza apparteneva alla famiglia degli Alidosi, che cedettero poco dopo alla famiglia Riario. Caterina Sforza, sposò Girolamo Riario, (al potere dal  1494 al 1499 e fu proprio lei  a dotare Dozza della rocca e delle mura difensive).

 

Monumenti e luoghi d’interesse

La rocca sforzesca è conservata in ottimo stato ed è possibile effettuare una visita degli interni, la cucina, il pozzo a rasoio, la prigione e la sala delle armi.

La Chiesa dell’Assunzione della Vergine è di origine medievale e  fu ricostruita nel XV secolo.

Il borgo è impreziosito da splendidi murales presenti all’interno delle sue vie di diversi stili artistici.

Dal 1965, si tiene la manifestazione Biennale del Muro Dipinto, il paese e le facciate delle sue case sono state arricchite con murales dipinti da artisti famosi.

Il borgo non è molto grande ma è grazioso ed è uno dei Borghi più belli d’Italia.

In cima al paese e vicino alla Rocca ci sono 2 ristoranti che propongono piatti tipici.

 

Se andrete a visitarlo nelle giornate calde sicuramente trarrete beneficio con l’aria fresca proveniente dalle colline intorno.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *