AMSTERDAM, LA VENEZIA D’OLANDA

Oggi vi voglio parlare di Amsterdam, la città sull’acqua.

Il periodo di viaggio è stato dicembre di qualche anno fa…

L’arrivo è all’aeroporto di Schiphol, per raggiungere il centro occorre prendere il treno che impiega circa  20 minuti per un costo, ai tempi, di € 6,40 andata e ritorno. Per muoversi in città consiglio la Strippenkaart per l’autobus da 15 corse (€ 6,90) più che sufficiente, il centro si gira tranquillamente a piedi.

Come hotel ho soggiornato al Rembrandt Centrum in posizione centrale e che consiglio vivamente a tutti, camere pulite e spaziosissime ad un prezzo più che contenuto.!

Per prenotare un hotel ad Amsterdam cliccate qui:

http://www.booking.com/searchresults.html?city=-2140479&aid=1536857&no_rooms=1&group_adults=1

Per lo shopping potete recarvi nei centri commerciali di Magna Plaza e De Bijenkorf dove in quest’ultimo potete trovare le grandi firme.

Le vie caratteristiche di questa città Damrak, Euwendijk e Kaverstraat  sono raggiungibili a piedi con una bella passeggiata rilassante.

Una visita a piazza Dam, il cuore pulsante di Amsterdam e alla seconda piazza della città, Nieuwmarkt.

Molto caratteristico è il quartiere Jordan famoso per i numerosi ponti e stradine pittoresche con edere ai muri. In questo quartiere potete approfittare per una visita al  museo della casa di Anna Frank.

Sono rimasta affascinata da questo museo nel quale è possibile vedere la casa segreta di Anna Frank nella quale si accede attraverso una libreria girevole a muro.

La casa è senza finestre e qui la famiglia Frank trascorreva le giornate in assoluto silenzio. “Abbiamo sempre tanta paura che i vicini ci sentano o ci vedano”- Anna Frank 11/07/42-.

E’ veramente commovente vedere come erano costretti a vivere, mi ha colpito la camera di Anna dove ci sono ancora incollate delle immagini sul muro che usava per rendere la stanza più accogliente. La casa è priva di mobili perché i tedeschi l’hanno vuotata e il padre di Anna al rientro dal campo di concentramento decise che doveva rimanere vuota per sempre. Furono traditi e deportati ad Auschwitz dove morirono tutti tranne il padre di Anna.

Anna morì di tifo pochi mesi prima della liberazione……

Consiglio a tutti una visita di questo museo della memoria.

Da qui si può visitare la chiesa Vesterkerk che si distingue per il bel campanile sulla cui sommità è appoggiata una corona blu. Potete passare  davanti alla casa di Rembrandt, al n° 184 della via Leliedwarsstraat, dove morì.

Interessante la visita al ponte vecchio e al mercato dei fiori (Bldemenmarket) dove potete acquistare bulbi di tulipano. Il mercato è molto bello e coloratissimo e oltre ai fiori si possono acquistare souvenir a buoni prezzi.

Imperdibile la visita alla chiesa di legno Begijnhof…si accede aprendo una porta dalla strada centrale e  si accede ad un altro quartiere dalle case curate e dai giardini verdissimi davvero particolare! Altro campanile da vedere è quello di Muntoren..

Non potete venire in Olanda e non vedere i tipici mulini a vento.

Per questo potete visitare la cittadina di Zaanse Schans raggiungibile con il treno in circa 15 minuti (€ 5,10 andata e ritorno).

E’ un paese delle fiabe. Tutte le case sono di legno verde, costruite attorno ad un piccolo canale sul quale hanno creato graziosi ponticelli naturalmente verdi come le case e di legno. Ci sono 6 mulini a vento ancora in attività che producono colori, farina, oli, ecc.ecc. Si possono visitare all’interno ed è una esperienza unica aggirarsi tra i loro vecchi ingranaggi. Nel paese c’è la fabbrica degli zoccoli e un caseificio dove vendono formaggi buonissimi e si possono fare diversi assaggi…

Per il capitolo cibo posso consigliare i seguenti ristoranti:

Ristorante De Zagerij la cui specialità è la carne con la fonduta di formaggio.

Per una cena insolita potrete partecipare al Candlelight sulla barca che naviga tra i bellissimi canali della città illuminati a festa. (€27,50).

Moeders, ristorante famoso ad Amsterdam nel quale si mangia tipico ed è caratterizzato dal fatto che quando ha aperto i proprietari chiedevano ai clienti di portare da casa  piatti  vecchi, posate e foto delle proprie madri (Moeders vuole appunto dire madri) ed infatti è apparecchiato con cozzaglie di ogni genere e nelle pareti sono appese centinaia di foto di mamme; Oltre alla particolarità del posto si mangia molto bene.

Per un dolce non mancate la visita da  Villa Zeezicht , la torta alle mele e cannella (che adoro) è  veramente deliziosa!!

 

Quello che mi ha colpito di Amsterdam sono le meravigliose case che sorgono sopra i canali, i numerosi ponti della città e le bici che sembrano arredare la città.

La tolleranza per i quartieri a luci rosse (un’infinita tristezza) e per i coffe shop in una città così diversa dalla nostra ma tanto vicina considerando che dista solo 2 ore di aereo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *