NEW YORK, UNA MELA NELLA GRANDE MELA!

NEW YORK, UNA MELA NELLA GRANDE MELA

Parliamo di New York   la metropoli più sognata d’America e per me che come soprannome sono Mela….questo articolo sarà: Una Mela nella Grande Mela!

Come arrivare a New York e dove dormire :

Siamo arrivati a New York in una mattina di agosto. Il trasferimento dal JFK al nostro hotel Amsterdam Court l’abbiamo prenotato su Expedia insieme al volo con Super Shuttle (conveniente). Dal JFK ci abbiamo messo 2 ore ad arrivare all’hotel sulla 50a strada.  L’hotel è in posizione strategica all’angolo con Times Square.

L’hotel lo abbiamo prenotato con booking.

Booking.com

Cosa abbiamo visto a New York :

Cominciamo dal Rockfeller Center nelle vicinanze…ma quanto è alto!!E’ composto da 19 edifici commerciali e si affaccia sulla Fifth Avenue. Poi ci dirigiamo nel famosissimo Madison Square Garden dove si tengono le partite e gli eventi più  importanti di NY. Iniziamo la nostra prima esperienza con la metro di NY…abbastanza facile da usare ed efficientissima! L’unica cosa è il caldo opprimente che fa qui sotto e a NY in generale. Sulla strada esce il fumo da tombini, come nei film!

Raggiungiamo la Gran Central Station, Flat Iron (il palazzo a forma di ferro da stiro, veramente particolare..) poi sosta al Bryant Park, un parco cittadino veramente grazioso! Ci siamo messi a sedere all’ombra a guardare i Newyorkesi rilassarsi durante la loro pausa pranzo! Finiamo la giornata con un immancabile shopping a Soho e un  giro in Times Square…che spettacolo che è questa via illuminata di sera! Sembra di essere a mezzogiorno, un turbinio di luci di gente e di allegria!! Abbiamo occupato 2 sedie e un tavolino al centro di Times Square (disponibili x chiunque lo voglia) a scrutare con occhi divertiti il passaggio di questa folla di turisti e di Newyorkesi!

 

Assolutamente da non mancare è la visita alla Statua della Libertà e ad Ellis Island. L’escursione l’ho prenotata su internet con Statue Cruise ($12 cad. partenza da Battery Park).

Bè che dire…imperdibile questo giro per chiunque visiti New York . .non si può dire di aver visitato la Grande Mela senza aver visto Miss Liberty. E’ davvero bella la signora in verde ed imponente! Stupenda la visuale della Skyline di New York dal battello con tutti i grattacieli che si riflettono nell’acqua! Ellis Island è l’isola in cui approdavano gli immigrati e adesso c’è un interessante museo.

A Battery Park potete vedere, all’interno del suo parco ,la gigantesca Sfera che diventò monumento memoriale dell’11 settembre. E’ stata portata qui da Ground Zero dove si trovava quando successe l’attentato che purtroppo tutti conoscete. La Sfera fa un po’ impressione perché porta ancora i segni di quello che ha passato e diverse ammaccature lo testimoniano. Una fiaccola resta sempre accesa in memoria di chi purtroppo non c’è più.

A proposito di questo parliamo di Ground Zero luogo in cui sorgevano le Torri Gemelle. Io l’ho visitato un paio di volte, la prima nel 2009 era ancora in costruzione e l’impressione che mi ha fatto è stata quella che l’attacco fosse successo da poco…un via-vai di vigili di gru e di mezzi pesanti. Poi la seconda volta lo visitai qualche anno più avanti e tutto era cambiato, finalmente erano terminati i lavori e il memorial era pronto così come anche il museo 9/11 Memorial. Hanno costruito due enormi vasche in quello che era lo spazio occupato dalle due torri, e inciso sui bordi i nomi delle 3000 vittime. Le piscine sono circondate da un bosco composto da 400 alberi Sul lato sinistro c’è un monumento ai vigili del fuoco caduti in quel maledetto giorno. Alle spalle si erge il World Financial Center dove siamo entrati per avere una visuale completa di Ground Zero.

Di fronte invece si trova la ST Paul’s Chapel, la chiesa monumento che fece da base di primo soccorso per i feriti…veramente toccante la visita del suo interno in cui potete vedere ancora un letto, lettere per ricordare i propri cari persi l’11 settembre e i gradi delle divise di varie forze dell’ordine morte. Toccante davvero. Il 9/11 Memorial si trova in Greenwich Street ed è stato inaugurato con una cerimonia l’11 settembre 2011, in occasione del decimo anniversario dell’attentato . E’ stato aperto al pubblico il giorno dopo, mentre il museo è stato inaugurato il 15 maggio 2014 , per poi essere aperto al pubblico 6 giorni dopo. Non vi lascerà indifferenti.

Per un po’ di shopping potrete approfittare della vicinanza per andare da  Century 21 proprio a fianco di Ground Zero anche se molto meglio lo shopping a Soho,Noho ,Tribeca e Broadway dove infatti ci dirigiamo subito.

Altra imperdibile visita è quella del famosissimo ponte di Brooklyn .Che emozione! Siamo sul ponte dei chewingum!! E’ veramente bellissimo, sospeso nel vuoto agganciato con tantissimi cavi di ferro che ne fanno da cornice! Una bella passeggiata sul ponte che ha fatto la storia di NY è d’obbligo come anche una sosta sulle panchine del City Hall Park alle sue spalle per giocare con gli scoiattoli!

Altra tappa alquanto inusuale è Chinatown…ma siamo davvero in America, ti viene da pensare!

Un miscuglio di odori, bancarelle di frutta strana, pesce, polli appesi ovunque!

Carina anche Little Italy piena di ristorantini appunto dei nostri immigrati italiani.

Finiamo sulla 5th avenue, la via più famosa dove hanno girato centinaia di film polizieschi trafficata da un numero indefinito di taxi gialli!!

Prima del tramonto raggiungiamo l’Empire State Building (biglietto comprato su internet) e in qualche secondo ci troviamo all’86° piano, sembrano dei proiettili questi ascensori! La vista della città da quassù è impagabile, si scorgono dei puntini gialli laggiù (taxi) e i grattacieli a fianco sembrano delle scatoline di cartone!! Che impressione! Attendiamo il tramonto e piano piano l’accendersi delle luci della città, prima 2,poi 4 poi 100 poi milioni di luci tutt’intorno a noi…Indimenticabile!

Non c’è ultima serata migliore passata a NY! E’ bella di giorno la vista ma di notte non ha eguali!

Ceniamo da Sbarro con una buona pizza e proseguiamo con lo shopping nella 34a .

Ultima mezza giornata a NY. Come si può partire senza aver visto Central Park? Infatti non si può. Questo parco è meraviglioso, non avrei mai pensato una cosa del genere. Giardini, boschi, laghetti dove si può noleggiare una barchetta a remi, stradine, rocce…Incredibile davvero! Abbiamo fatto una passeggiata a piedi di diverse ore e ne abbiamo visto solo una parte…è grandissimo!

Abbiamo visto il giardinetto vicino al quale è stato assassinato John Lennon e al cui centro c’è una scritta che recita “Imagine” , sempre piena di fiori.

Usciamo da Central Park soddisfatti e ci incamminiamo con un Hot Dog tra le mani al nostro hotel… leaving NY is always sad (lasciare NY è sempre triste) ma visto che andiamo nella One Happy Island (isola felice) di  Aruba non disperiamo!

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *