ALOHA HAWAII

Aloha Hawaii, è così che comincio a raccontarvi di questo viaggio in terra hawaiana, una parola che rappresenta questo paese e che viene spesso associata ad esso.

Aloha è un saluto ma significa anche affetto, amore, pace, compassione e misericordia. In queste parole è riassunta l’anima delle Hawaii.

Un viaggio nelle isole Hawaii è qualcosa di incredibilmente bello, non si tratta solo di mare ma di molto altro, vegetazione, vulcani, animali, surf, cultura….insomma che aspettate a partire?

Ora vi racconto del mio programma e di come organizzare un viaggio alle HAWAII:

PERIODO DI VIAGGIO:

Agosto, 3 settimane.

ISOLE VISITATE ALLE HAWAII:

Maui,kauai e Oahu.

VOLI PER LE HAWAII:

Per il volo intercontinentale ho deciso di ritagliarmi qualche giorno a New York e la tratta è stata Bologna – Londra - New York con British Airways.

Per il viaggio verso le Hawaii è stata New York-Los Angeles-Honolulu con United Airlines.

Voli interni tra le isole con Island Air e Hawaiaan. All’interno delle isole ho quasi sempre volato con Island Air (biglietti economici) che opera con aeroplanini più piccoli (36 posti) che prendono più vuoti rispetto a quelli della Hawaiaan molto più grandi e a mio parere più sicuri.

DOVE DORMIRE:

Gli hotel scelti sono i seguenti:

MAUI: Kai’s B&B (pensione familiare accogliente,camera molto carina e posizione strategica a Kihei)

KAUAI: Sand Beach Hotel ( hotel grande sulla spiaggia,camere enormi e pulite e ottima posizione a Wailua)

OAHU: Aqua Beachside (hotel proprio sulla spiaggia di Waikiki,camere piccoline ma pulite)

NOLEGGIO AUTO:

Maui e Kauai con Budget, Oahu autobus!

 

MAUI:

Dopo 21 ore di volo,6 aerei,2 taxi,1 autobus,1 macchina (quella a noleggio),6 ore di ritardo  su un volo (non si chiudeva il portellone dell’aereo,mica niente…), 1 notte a New York…arrivo finalmente con un aeroplanino della speranza nelle Hawaii e precisamente nell’isola di  Maui,sono semi distrutta, ritiro l’orrenda auto grigia  e mi dirigo a Kihei nella pensione prenotata. Mi ha accolto la signora che mi ha spiegato le loro abitudini nella casa e mi ha mostrato la mia camera,mango room. Molto bella, tutta gialla,pavimento in legno,terrazzo arredato e immersa nel loro splendido giardino. La colazione la serve la signora consegnandola all’esterno della camera in un cestino di vimini. Fornisce teli mare,creme abbronzanti,libri,cappelli,bodyboard e anche una lavatrice. Effettuano una raccolta differenziata severissima.

Il paese a Kiuei è pieno di negozi e ristoranti e ceno con una pizza da Shaka….piccolo consiglio…prendete le fette di pizza e non quella intera che potrebbe sfamare un esercito…

Vado a dormire perché non so più se è giorno o notte…

Mi sveglio fresca come un fiore di Tiarè pronta ad assaporare questa super vacanza hawaiana. Vado a Big Beach vicino a Makena. Lo spiaggione è fantastico e semi deserto. La sabbia è dorata,le onde fanno sul serio anche a riva, fate attenzione.

Tutti alle Hawaii usano il Bodyboard una piccola tavola sulla quale scivolano a pelo d’acqua o cercano in qualche maniera di surfare e lo fanno a testa in giù,con il cane a bordo,con l’amico…in ogni maniera! Poi mi dirigo in un’altra bella spiaggia, Wailea e finisco la prima giornata.

HANA ROAD:

Non puoi venire a Maui senza percorrere la famosa Hana Road ma puoi evitarla se soffri il mal d’auto dal momento che sono “solo” 600 curve!

Prima di arrivare ci fermiamo per ammirare dall’alto la spiaggia dei surfisti,Hoo’Kipa presa d’assalto. Non oso immaginare d’inverno quando le onde sono grandi,dicono essere alte metri..

Per percorrere questa diabolica e allo stesso tempo incantevole strada ci ho messo 2 ore e 50 minuti.

E’ una strada che scorre in mezzo alla foresta,a volte su costiere scoscese a picco sul mare altre volte sulle pareti montuose. Bisogna oltrepassare una cinquantina di ponti sospesi su cascate e fiumicelli. La natura è incredibile. Sono famose le spiagge che si incontrano su questo percorso e non me le perdo di certo. Inizio con Waianapanapa State Park più conosciuta come la spiaggia nera. Bellissima e insolita, strana la sabbia nera pece che si attacca ai piedi bianchi,crea un contrasto divertente.

Proseguo verso Kaialulu,la red sand beach, stupenda anche questa di sabbia rossa. Ma poi arrivo a Koki Beach Park ed è qui che lascerò il mio cuore nell’isola di Maui. Questa baia a mio parere è di una bellezza struggente,allo stato brado la definirei,selvaggia. Da contorno le montagne ,la fitta foresta alle spalle,un’alta costiera erosa dal vento e dalle onde dove si forma una grotta sul lato sinistro della baia. La spiaggia dorata fa contrasto tra i colori del mare e della vegetazione. Rimango incantata e rapita la osservo in silenzio.

Proseguo per Hamoa Beach Park,altra bellissima spiaggia. Poi raggiungo l’Haleakala National Park (entrata 10$) dove il fiume Oheo Gulch forma le Seven Pools (7 piscine) Sono 7 cascate che scendono a seguire una sull’altra formando 7 piscine nel quale è possibile fare il bagno. L’acqua arriva fino giù al mare che si infrange sulle rocce alla fine di questo percorso. Quando il mare è molto mosso chiudono perché può essere pericoloso raggiungere le piscine. Un ambiente ultraterreno lo definirei,dove non arrivano le parole a descrivere ci pensa la natura ad esprimersi.

Per il rientro bisogna ripercorrere la stessa strada. Un consiglio,conservate il biglietto di ingresso che ha validità 3 giorni in modo da poter visitare il vulcano senza pagare visto che rimane nello stesso parco (con entrata opposta a questa).

Di rientro faccio tappa a Paia per una passeggiata tra negozi e cena a Kihei da Denny’s (nota catena fast food).

HALEAKALA CRATER:

Il giorno seguente visito l’Haleakala Crater nell’omonimo parco nazionale e utilizzo il biglietto del giorno prima. Il vulcano è ormai spento da tanti anni ma visitarlo è sempre un’emozione. Ci sono diversi punti di osservazione. L’ultimo termina a 3055 metri e vi lascio immaginare la vista che si ha da quassù! Il paesaggio è lunare,un misto tra il nero della lava,il rosso delle rocce e il verde delle piante che si riprendono a poco a poco il loro spazio.

Si riescono a vedere diversi crateri e un plastico al visitor center rende l’idea di cosa scatenava quando era in eruzione. Per 1$ di donazione si può avere un attestato bellissimo dell’Haleakala National Park in cui c’è scritto che 6 “sopravvissuto” a questa esperienza in quanto dichiara che il parco è l’unico posto al mondo in cui la strada di 36 miglia parte dal livello del mare e arriva in una distanza così breve a 3055 metri. In effetti lo sbalzo è notevole e la mia Cobalt arrancava sui tornati. Arrivati in cima ogni movimento richiede un grande sforzo e di conseguenza un grande fiatone!

Non perdete la visita al vulcano è molto interessante e determina la bellezza di Maui. I segni della sua presenza sono visibili in tutta l’isola anche in certe spiagge dove il contrasto tra la colata di lava nera ,la sabbia dorata,l’acqua azzurra e la vegetazione verde creano un gioco di colori credo unico al mondo.

Finisco la giornata in spiaggia a Kihei e poi mi dedico ad un po’ di shopping alle bancarelle.

ULTIMO GIORNO A MAUI….

L’ultimo giorno a Maui lo passo tutto in spiaggia. Inizio con Honolua Bay. Consiglio di vedere questa spiaggia anche solo per il percorso che bisogna fare per raggiungerla. E’ un passaggio pedonale in mezzo alla foresta piena di felci…stupenda. Alla fine del percorso appare la baia,  ideale per lo snorkeling. La spiaggia è di ciottoli e perciò scomoda ma vale la pena venire anche solo per un bagno e per la passeggiata nella “giungla”!
Proseguo verso Kailili Beach semi-deserta. Ideale per lo snorkeling. L’acqua ha colori bellissimi… ascolto le mie canzoni preferite nell’Ipod e mi rilasso in perfetto stile Aloha e Hangloose!

Devo salutare Maui che mi ha regalato emozioni uniche,è stata la mia prima volta di un vulcano, la mia prima volta della spiaggia nera e per questo è un’isola che mi rimarrà nel cuore.

KAUAI:

Ecco che un altro aeroplanino del terrore mi aspetta per portarmi a KAUAI!! In realtà volo tranquillo…. E’ stato soltanto l’impatto visivo… 🙂

KAUAI mi accoglie con un tempo non propriamente bello .Decido di fare un pò di shopping Coconut Market Place proprio a fianco del mio hotel. Ci sono un sacco di negozietti di souvenir e uno in particolare ha collane e braccialetti molto carini a prezzi ragionevoli (poco più avanti dell’ingresso principale sulla dx). Per la sera prendo la direzione di Punta Allen e ceno da Pizzetta a Old Koloa Town,un locale molto carino dove ho mangiato anche bene.

Il tempo è da lupi ed è piovuto a catinelle tutta la notte…non accenna a smettere. Mi viene un sospetto: KAUAI è chiamata isola giardino per la sua rigogliosa vegetazione..ma non è che questo verde dipende dal fatto che qui piove sempre,vero? Vedi un pò tu…..

WAIMEA CANYON:

Dopo varie ipotesi azzardate è deciso: oggi si va al Waimea Canyon,pioggia o non pioggia…sempre meglio dell’alternativa spiaggia! Cartina alla mano raggiungo la mia destinazione…. arrivo su in cima e non si vede un piffero di niente….la nebbia agli irti colli ostacola la visuale…. giro su è giù per tutti i punti di osservazione, arrivo al visitors center, ritorno in cima e poi un’improvvisa folata di vento fortissima spazza via tutte le nubi e lo spettacolo che riesco a scorgere ha dell’incredibile,un canyon dai colori più disparati, fiume che scorre sul fondo e sulle vette circostanti cascate,vegetazione esplosiva,quasi violenta e rocce rosse-arancio.

Pazzesco! La vegetazione tutt’intorno non ha eguali e credo che sia una cosa presente solo qui in tutto il resto del mondo…ecco il perché di isola giardino!.

Il tempo continua a migliorare e ne approfitto per fare una passeggiata in uno dei tanti percorsi…davvero piacevole e il panorama incantevole. Comincio a scorgere le macchine cabrio salire in vetta decappottate…buon segno…in spiaggia c’è il sole….arrivoo!!

SPIAGGE:

Salt Pond Beach Park(vicino a Port Allen) è una spiaggia molto molto carina e riparata dalle correnti,ideale per il nuoto. Incredibile fino a poche ore fa’  c’era un tempo da lupi e adesso c’è un sole pazzesco !

Proseguo  per Poi’Pu beach. Spiaggia dalla bellezza disarmante….acqua azzurra azzurra e bassa;di fronte c’è un isolotto che si raggiunge camminando nell’acqua e sul quale non c’era nessuno…che bello!! Imperdibile anche il tramonto da questa spiaggia.

A Port Allen si può prenotare l’escursione per la Na’pali Coast con la Blue Dolphin  che mi sembra la migliore come costo e come imbarcazione.. Scelgo per la cena  un ristorante sulla strada ,dopo P.Allen, il Kalahes caffè dove ho mangiato divinamente,il Mahi-Mahi con mango (pesce tipico Hawaiiano e Polinesiano). Ve lo consiglio vivamente!

Altra tappa imperdibile sono le famosissime spiagge del nord.

Parto dalla più lontana fino ad avvicinarmi a Kapa’a  La strada che porta al nord,specie nell’ultimo tratto assomiglia molto ad Hana Road a Maui come panorama. Si guida inglobati dalla vegetazione e totalmente rapiti dalla bellezza che KAUAI offre ai suoi visitatori.

Il tempo è splendido e le piogge della mattina precedente hanno ingrossato i corsi d’acqua, sono ben visibili le cascate che si lanciano dalle imponenti montagne…ecco l’isola giardino in tutta la sua bellezza! Sembra un Eden.

La prima spiaggia che visito è Ke’e Beach,un paradiso… andate in questa spiaggia,è bella davvero e mi ha riservato una sorpresa a dir poco stupenda che mi ha lasciato senza parole. La spiaggia è affollata di fronte all’entrata e se ci si sposta sul lato sinistro è completamente deserta.

Decido di fare una passeggiata a piedi da quel lato e ad un certo punto noto una cosa grossa adagiata sulla sabbia…ma cos’è,cosa non è…forse è un grosso scoglio..mah,boh… mano a mano che mi avvicino mi rendo conto che questa cosa è animata e non è nient’altro che una FOCA, bella rilassata che prende un po’ di sole sulla spiaggia….incredibile!!…adoro gli animali ed era la prima volta che vedevo una foca….credo di essere stata 1 ora ferma impalata per paura di disturbarla a scrutarla nei minimi dettagli e a fargli un intero book fotografico!! Ero troppo felice!! Oh my god! Unbelievable, avrebbe detto un americano e anche io…ormai contagiata dalla loro lingua !!

Se volete fare snorkeling qui è ideale,ci sono molti pesci e delle belle formazioni coralline. Il paesaggio intorno è meraviglioso. Alle spalle c’è una montagna che cade a picco sulla baia e diversi massi che sembrano messi lì in maniera perfetta  creando uno scenario unico, Un po’ Seychelliano..

 

 

Abbandono il paradiso per un’altra spiaggia stupenda anch’essa (ma che non ha la foca) che è Tunnels Beach,il mare è lo stesso,rimane nella baia oltre l’insenatura ed è splendida davvero,il mare è di un colore chiarissimo!

Passo per Wainika Bay ma non mi fermo perché le piogge del giorno prima e il fiume che sfocia proprio qui avevano portato fango e l’acqua era azzurra e rossa di argilla! Vado così ad Anini Beach Park,bella e isolata,non c’era quasi nessuno.

La giornata sta per finire e di rientro mi fermo a vedere il faro a Kilauea che si erge dritto sulla baia sottostante, rifugio di numerose specie di uccelli. In inverno è possibile avvistare le balene da qui. E’ possibile visitare il faro all’interno ($ 5) ma attenzione che chiude alle 16…infatti! Ceno a Kapa’a all’Olimpic Cafè con un’ottima bisteccona che avrebbe sfamato anche un’intera squadra di rugby…ammazza ma quanto mangiano qui…

L’IMPERDIBILE NA’PALI COAST:

Il giorno di ferragosto l’ho passato su un catamarano nella Na’pali Coast con la Blue Dolphin (“solo” $ 136). A parte un primo momento di intontimento per il prezzo pagato e un vago senso di colpa mi convinco che si vive una volta sola e che sicuramente ne varrà la pena. Sono pronta per la partenza, ore 8 da Port Allen e rientro per le ore 14, pranzo e colazione a bordo, bevande all inclusive.

Non saprei come descrivere la bellezza della Na’pali Coast, non posso rendere l’idea della magnificenza di questo tratto di costa…montagne tondeggianti ricoperte dalla foresta che sembrano in realtà ricoperte di velluto verde brillante,cascate che sgorgano in ogni dove, baie mozzafiato, angoli incantati,archi di roccia sul mare….

Ho visto decine di delfini,che venivano a giocare proprio sotto il catamarano e anche tartarughe!!

Un consiglio: se soffrite il mal di mare non è la vostra giornata ideale! Il mare era mosso e non credo solo nel giorno in cui sono andata io a quanto dicono…

 

La giornata mi riservava un’altra sorpresa…finita l’escursione sono andata alla spiaggia di Anahola dove c’era un matrimonio hawaiano! E’ stato bello vedere le loro tradizioni!La sposa vestita in bianco come noi,lo sposo in bianco anche lui,poi avevano 5 damigelle vestite in bianco e rosso e 5 damigelli che avevano la camicia uguale al vestito delle damigelle! Il tutto accompagnato dal suono dell’ukulele! Sulla sabbia una distesa di fiori di Tiarè profumatissimi…. Ho assistito al sì e alle foto di rito in acqua, dove i damigelli hanno fatto un mega gavettone agli sposi….

Mentre aspettavo il tramonto ho cercato una bella noce di cocco,l’ho aperta e me lo sono gustata  su questa spiaggia che ormai era deserta! In questo momento mi sono resa conto di essere fortunata ad aver avuto la possibilità di visitare le Hawaii..

ULTIMO GIORNO A KAUAI:

Decido di passare questa ultima mezza giornata a KAUAI in una bella spiaggia, Kalihiway. Alla sinistra c’è un fiume che si butta nell’oceano,sembra di stare nella giungla…paesaggio strano davvero! Da questa spiaggia partono i canoisti…e prima pregano tutti in cerchio! Quando si alza un po’ il vento invece arrivano i surfisti e mi incanto ad osservare i loro movimenti decisi e armoniosi! Più tardi cambio spiaggia e vado a Kealia Beach dove ci sono onde alte e tutti si divertono un sacco! Pranzo da Pizza Hut con un buffet di pizze (pasta e verdure) a $10 . Ed è qui che faccio la scelta più coraggiosa della mia vita, la pizza hawaiana con prosciutto e ananas…

OAHU:

Arrivata all’aeroporto scopro che gli autobus non caricano i bagagli grandi da aereo e siccome sono senza macchina in qualche modo devo  pur fare… l’aeroporto è grande davvero, i bagagli pesano un accidente e non mi sembra vero quando trovo il pullman di Roberts Hawaii che per $9 mi porta a Waikiki. Si rivelerà poi un prezzo molto conveniente! Arrivo che ormai è sera,mi sistemo in hotel e vado a vedere questa famosa Waikiki Beach di sera!L’hotel è sulla spiaggia e devo solo attraversare la strada.

Gli hotel altissimi che si stagliano nel cielo  e che illuminati si riflettono nell’Oceano sono uno spettacolo che non dimenticherò facilmente….questa Waikiki mi piace già un sacco!! Faccio un giro per negozi…e che negozi! Il lungo mare è molto elegante ed affollato di gente,per lo più giapponesi.

 

Imperdibile Hanuama Bay!

RICORDATEVI,MARTEDì HANUAMA BAY E’ CHIUSA!

Mi incammino verso la fermata dell’autobus e aspetto il 22. Il biglietto costa $2,25  andata e ritorno, si danno i soldi all’autista il quale non dà resto. Questo autobus passa una volta all’ora e ho dovuto aspettare 2 ore prima che mi caricasse perché era sempre pieno. Nell’attesa bagnetto a Waikiki…ma che comoda che è questa fermata del bus!! Al 3° passaggio del bus quando l’autista mi ha detto che era ancora pieno e che non mi avrebbe caricato,gli ho piantato un casino che alla fine ha fatto salire solo me tra tutti i presenti….quando voglio una cosa….diciamo che spesso la ottengo!

Arrivo ad Hanuama Bay dopo circa 45 minuti e la fila per entrare alla spiaggia (è un parco naturale) è lunghissima…pazienza,aspetterò! Pago $ 7 d’ingresso e dopo un filmino obbligatorio per tutti di 10 minuti (in cui spiegano la formazione di questa baia,dovuta al vulcano e cosa si può e non si può fare) finalmente accedo alla spiaggia!

La discesa per raggiungerla è asfaltata e ripida (al ritorno prendo il trenino che x $ 1 mi riporta su). La veduta dall’alto è spettacolare,la baia ha colori incredibili e si possono distinguere tutte le forme dei coralli! Un paradiso davvero. Famosa x lo snorkeling in realtà non si vede niente!! Ma ne vale la pena comunque! Portatevi acqua e mangiare se non volete spendere una follia…. Al ritorno prendo nuovamente il bus ed è di nuovo il delirio, non ho nessuna voglia di aspettare un’altra ora,così non si sa come ,sono arrivata alla fermata per ultima e sono salita tra i primi….in perfetto Italian Style!

Passo il resto del pomeriggio a Waikiki Beach,questa stupenda spiaggia cittadina, una delle mie preferite al mondo… Girando le spalle al mare, sulla destra c’è un monte che con le pendici arriva fino alla spiaggia e sulla sinistra un susseguirsi armonioso di bei grattacieli,che seguono la forma a falce della baia. L’Oceano è di un azzurro incredibile. Qui la vita è molto movimentata e un continuo via-vai di surfisti con la tavola sotto braccio passeggia su questa spiaggia! Gente strana, gente bella, gente di ogni genere  popola questa spiaggia che è di tutti. Mi incanto a guardare un ragazzo che surfa mentre  solleva una ragazza che fa la figura dell’angelo sopra di lui…. Aspetto il tramonto e vi assicuro che lo spettacolo è garantito!

Ceno da PF CHANG’S con un ottimo pesce Mahi-Mahi alla frutta… abbinamenti strani ma ben riusciti…x i miei gusti!

Ultimo giorno a Ohau e non mi voglio assolutamente muovere da Waikiki,la amo alla follia! Pranzo da Mc Donald’s che è proprio sulla spiaggia. resto anche il pomeriggio qui che lo passo tra un bagnetto e una passeggiata! Verso sera vado al centro commerciale Ala Moana Center con l’autous 8. Il centro ha negozi di marca famosissimi (e non) e bellissimi. C’è da perdersi!! Arrivo a ora di cena devastata e mangio qui all’interno da California Pizza (con $ 16 in tutto) Buona davvero e il locale è carino.

PENSIERI DAL MONDO:

E’ ARRIVATO IL GIORNO DELLA PARTENZA E SALUTO LE HAWAII CON UN ALOHA E LE RINGRAZIO CON UN MAHALO! Mi hanno regalato momenti davvero belli e porterò sempre nel cuore gli arcobaleni, i vulcani, la vegetazione, l’oceano, i surfisti e il magico popolo Hawaiiano dal quale avremmo molto da imparare….
Saluto le Hawaii con mega HANGLOOSE e mi dirigo in aeroporto, dove 3 voli mi attendono (Kahului con Hawaiaan+San Francisco e NY con United)…

—–Aloha a tutto il mondo!!! —–

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *