DIO CREO’ MAURITIUS E POI IL PARADISO TERRESTRE, scriveva Mark Twain

DIO CREO’ MAURITIUS E POI IL PARADISO TERRESTRE

Scriveva Mark Twain che Dio creò Mauritius e poi il Paradiso Terrestre!

Dopo 2 ore di volo dalle Seychelles, arriviamo a Mauritius La veduta aerea di Mauritius è molto bella e siamo sicuri che anche questa isola ci riserverà una sorpresa.

DOVE DORMIRE:

Il nostro hotel è La Pirogue  che è uno dei più conosciuti complessi di Mauritius. Appartiene alla catena Sun International, e garantisce buoni servizi. Si trova sulla spiaggia di Flic and Flac. I bungalow sono in pietra e immersi nel fantastico giardino; sono  belli, puliti  e spaziosi. Come il resto dell’hotel hanno la classica forma a piroga. Il giardino intorno all’hotel è fantastico,ci sono diverse varietà di piante,un pratino inglese tenuto alla perfezione e nel mezzo un laghetto sul quale è costruita la capanna dell’amore,carina per fare le foto e bere qualche cosa. Le attività che propone l’hotel sono innumerevoli e così come le escursioni. Ci sono 2 ristoranti,bar,piscina,casinò e spettacoli di folklore tutte le sere,molto interessanti. La cucina ha una scelta vastissima ed è buona. La spiaggia è bella anche se devo dire che provenendo dalle Seychelles,purtroppo Mauritius non regge il confronto. La Pirogue si trova sulla costa ovest a 50 Km dall’aeroporto e 20 da Port Louis.

COSA VEDERE:

Da non mancare la visita alla capitale Port Louis che sorge a nord-ovest,protetta dai monti Moka. Qui vi potrete dedicare allo shopping sfrenato, dai souvenir all’acquisto di abbigliamento dalle firme famose a prezzi incredibili. Altra meta per lo shopping è la città di Curepipe dove potrete trovare industrie di velieri e di thè. Poco lontano da qui si trova Trou aux Cerfs che è il cratere di un vulcano spento pieno d’acqua e di fitta vegetazione. Spettacolare la vista del cratere dalla strada superiore e di tutta la vallata. Non potete mancare la visita al lago sacro Grand Bassin, meta di pellegrinaggio per la popolazione indù in febbraio e marzo. Interessante anche il tempio costruito sul lago nel quale bisogna entrare rigorosamente scalzi.

Bellissime le cascate di Chamarel che rimangono oltre l’omonimo villaggio che è immerso nelle piantagioni di caffè e banane. Le cascate sono alte 90 metri. Chamarel è resa famosa oltre che dalle sue cascate anche dal fenomeno della terra dei 7 colori,impressionante. Una collina di terra sfumata appunto da 7 colori.  La strada prosegue e si può ammirare la veduta della Black River Peak,la montagna più alta di Mauritius e la baia sottostante. Abbiamo inoltre visitato il Bird Garden of Casela che rimane nel territorio di Riviere Noire. E’ un parco dove potrete trovare varie specie di uccelli,pesci e altri animali….e vari gadget di Dodo, il simbolo di Mauritius. Era un uccello che però non volava. Endemico di Mauritius. Si estinse nel XVII secolo Abbiamo partecipato inoltre all’escursione Safari Blu con 2 ragazzi del posto che non erano molto organizzati. L’escursione consisteva nella visita di una spiaggia deserta,dei delfini e incluso c’era il pranzo. Il mare quel giorno era molto mosso e abbiamo chiesto di rimandare ma ci hanno assicurato che era tutto ok Saliamo sulla barca,che è un complimento chiamarla tale, un bagaglio piccolino e tutto scassato e quando siamo arrivati alla barriera corallina e  abbiamo dovuto superare le onde mostruose,ho creduto che si aprisse in due. Per deliziare la giornata inizia a piovere….La barca era scoperta. Arriviamo sulla spiaggia e ancora pioveva a dirotto,non c’era neanche un albero per ripararsi. Hanno cucinato in compenso delle buone aragoste che abbiamo gustato….sotto la pioggia. Di ritorno si sono dati alla mattanza dei tonni che buttavano sulla barca ai nostri piedi e che presto si è riempita di sangue. Sembrava un film dell’horror. Ci hanno portato a vedere i delfini…….non che si siano visti molto ma questa non è colpa loro..

PENSIERI DAL MONDO:

Concludendo Mauritius ci è piaciuta, molto più per il suo interno che per le sue spiagge forse dovuto al fatto che il tempo non era dei migliori e non risaltava i colori dell’acqua come avrebbe dovuto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *